Felicità…istruzioni per l’uso

“Felicità è scegliersi certi fini, fare certi propositi e lottare per ottenerli e realizzarli,
senza lamentarsi o deprimersi se poi non possono essere raggiunti.
Si può anche dire che la felicità è avere dei valori e degli ideali e sforzarsi di seguirli.”
Albert Ellis

La felicità…questa sconosciuta

Quante volte vi siete chiesti cosa sia davvero la felicità?!

Quante volte guardando le persone attorno a voi vi siete detti: “sono tutti felici, tranne me…ma come fanno?”

Ma siete davvero convinti che gli “altri” siano così?!

Ebbene qui emergono un paio di questioni:

  • Il nostro modo di vedere gli altri e il mondo

  • Cos’è la felicità

Per prima cosa è importante sapere che i nostri stati emotivi vanno a braccetto con i nostri pensieri e che il nostro cervello ci fa degli “scherzetti”. Talvolta il nostro umore è talmente negativo che tendiamo a selezionare le immagini che vediamo per trovare una conferma ai nostri pensieri negativi.

Questo processo ha il nome di attenzione selettiva.

Facciamo un esempio concreto:

Vi è andata male la giornata al lavoro. Il vostro capo si è infastidito con voi perché non avete ancora concluso quel report che vorrebbe venisse fatto perfettamente e subito. Bevendo il caffè vi siete macchiati la camicia, e se non bastasse la ragazza/il ragazzo con il quale vi state frequentando ha deciso di partire per l’America per un anno. Questo non solo vi fa arrabbiare molto ma vi da anche la sensazione di non essere considerati, di non valere nulla e di essere sfortunati! Perfetto se vi siete immedesimati potrete immaginare quanto questa persona si senta arrabbiata, triste e affranta.

tristezza-inside out

A quel punto uscite dal lavoro e incrociate una vostra collega che non vedevate da settimane con un super sorriso (ma non sapete che è appena tornata da 10 giorni alle Canarie!)…vedete una signora davanti all’ingresso che sorride accarezzando un cagnolino…vi imbattete in un ragazzino che fischietta sulla sua bici…

Ma quindi quali processi avvengono?

Continuiamo con il nostro esempio. Avete prestato attenzione solo a ciò che non aveva nulla a che fare con il vostro stato d’animo. Nella vostra testa avete pensato che fossero tutti felici tranne voi!

Questo è un processo che viene definito generalizzazione.

Infatti oltre a selezionare le immagini attorno a voi avete anche pensato che sono TUTTI felici tranne voi!

Ma forse non sapete che…

…La collega che è stata alle Canarie era partita per riprendersi da una separazione; la vecchietta con il cane vive da sola da tanti anni; il ragazzino in bici sta pensando a che bugia inventare per dire alla madre che ha preso l’ennesima nota a scuola.

Questo esempio per dire che spesso ci troviamo a pensare che quando vediamo tutto nero gli altri siano felici, siano più fortunati di noi e abbiano la soluzione in tasca. Mentre noi ci sentiamo un completo fallimento.

Si tratta di uno dei nostri errori di pensiero.

Vediamo ora che cos’è la felicità!

felicità_occhiali

Ebbene milioni di pensatori, studiosi, filosofi hanno cercato di trovare la “formula” della felicità, e la risposta ce l’avevano sotto il naso.

La felicità dipende dalle nostre aspettative, da cosa significa per noi “felicità”, possiamo trovarla come perderla. Non si tratta di un moto costante, ma come tutte le emozioni fluttua, come un’onda. Ci possono essere periodi o momenti più felici di altri. La felicità può avere intensità diverse e significati diversi per ciascuno di noi. Ma forse è la nostra idea di felicità che avrebbe bisogno di essere aggiustata.

Volete qualche segreto per trovarla?

“Le persone più felici non sono necessariamente coloro che hanno il meglio di tutto, ma coloro che traggono il meglio da ciò che hanno.”

Khalil Gibran

Ricordate che ciò che è intorno a noi, le cose che ci succedono influenzano la sua intensità o la non felicità, quindi cercate di prestare più attenzione a quello che fate in quel momento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • Gustatevi quel buon panino in pausa pranzo
  • Cercate di apprezzare una bella doccia dopo una lunga corsa
  • Dedicate del tempo all’attività fisica
  • Uscite con gli amici
  • Visitate nuove città
  • Osservare la natura intorno a voi
  • Recuperate i famosi “sogni nel cassetto”
  • Scoprite nuovi interessi…

Spesso di corsa non ci accorgiamo di tutto ciò, ma una vita più mindfulness (= consapevole) ci può aiutare a trovare felicità in cose più semplici e più volte al giorno.

Io?! quando posso mi prendo 5 minuti per gustarmi una bella canzone! 😉

felicità_stereo